martedì 20 maggio 2008

Formiche

.

.
Nel bosco, un cumulo d’aghi di pino:
celato, ha un suo piccolo mondo.
Una foglia che plana, furtiva
lo sfiora: s'accende di vita.

Siamo tutti formiche? Inquieti,
ci arrabattiamo frenetici, ansiosi.

Cerchiamo e difendiamo uno spazio,
una briciola e uno spicchio di sole.

.
© Luciana

6 commenti:

Mari Morais ha detto...

Lindo!

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

...grazie!

Jaio ha detto...

Guardo le formiche ogni giorno andare e venire tra una fioriera e l'altra sul bordo della terrazza dietro casa. Dall'ufficio invece guardo sfilare la gente nelle file di macchine sul boulevard...E sembra la stessa cosa:-)

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Siamo formichine nella creazione... Ma formichine a due zampe - e con l'anima.
Questo, forse dovrebbe differenziarci, dalle formichine a sei zampe ...

Jaio ha detto...

Si, comunque nell'insieme, siamo come degli insetti. Tra 40 anni saremo in 9 miliardi...Non ci sarà né posto, né acqua, né da mangiare per tutti. Fai subito un'altra poesia prima che sia troppo tardi:-)

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

ma chi sono Schopenhauer, Nietzsche, Leopardi...questo sì, che è pessimismo cosmico!
Mi fai sentire come un giapponese in metrò nell'ora di punta...OK, domani inizio a costruire l'Arca...
(...ma no, dàààài...!!!)