venerdì 22 agosto 2008

Colibrì

.

Frullante d’ali,
di brividi lievi
multicolore
e fragile:

il mio cuore
è un colibrì.


.
© Luciana
.

6 commenti:

Rebecca ha detto...

Poche leggiadre parole per illustrare il tuo cuore. Sei brava con la poesia. Un abbraccio. Paola (censorina)

Qui sono registrata come Rebecca.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Bentornata, Paola. Mi fa sempre piacere una tua visita!

La poesia "Colibrì" è nata qualche annetto fa (...parecchi!), ma le sono molto legata - e così ho pensato di riproporla, nel blog.

DR ha detto...

Le vecchie poesie sono come fotografie della nostra vita. Anch'io ne ho riproposta qualcuna. Questa del colibrì ha una grazia notevolissima: quella chiusura che non ti aspetti stavo per dire è come una coltellata, ma non ne esprimerei la dolcezza, forse è meglio dire che è una carezza.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Grazie Daniele,
è vero, è bello ripercorrere attimi di vita, ritrovandoli nella gioia o nella tristezza espressi da vecchie strofe, versi scritti d'impulso talvolta, proprio di getto, sull'onda di un'emozione fissata nel tempo. Bello è "ritrovarsi" in quell'attimo, riviverlo in lettura...e tu, ne hai colto il senso!

Anonimo ha detto...

Delicata ed armoniosa questa poesia. Tutto è lieve, colorato e perfetto nelle forme e nei movimenti, ma fragile, in fondo come tutti noi.
Ti ringrazio per il commento da me, su quel post sull'essere Blogger, che per la verità è vecchio di due anni, anche se penso attuale nei contenuti. Il web è una specie di rivoluzione Copernicana della quale non ci rendiamo, ancora bene conto.
Claudio
Ambientedacostruire.splinder.com

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Interessante e vario il tuo blog . Forse il post era datato, ma l'argomento sempre attualissimo: le potenzialità della rete web - che sono davvero sorprendenti ed infinite. (Grazie per la tua visita e per esserti soffermato a commentare)