venerdì 5 settembre 2008

In una valigia di cartone...

.


Camminiamo, portando
fragili valigie di cartone
con sogni stropicciati dal tempo
che basta un acquazzone, a inumidire.

Se, inatteso, ritorna un raggio di sole
li stendiamo dispiegandoli con cura
ad asciugare sul lungo filo del futuro
per poi riporli ancora, pronti all’uso.

E riprendiamo le valigie
e camminiamo - camminiamo ancora.


.
© Luciana
.

4 commenti:

DR ha detto...

Bella, bella... Con quel suo tocco d'antan virato seppia che appare anche dalla fotografia scelta a corredo. Noi tutti siamo emigranti che si spostano tra un giorno e l'altro.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

e da un'esperienza all'altra... e da un'emozione, all'altra...!

(Grazie per la tua presenza ed attenzione costante, Daniele - e grande ciao)

tittidiruolo ha detto...

un tempo questo in cui il camminare è pesante e stanco, ciao.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

settembre fa sentire un po' così: l'estate che si va spegnendo, il "languore autunnale" che si fa sentire...
Ma la poesia è un'ottima chiave di lettura - ed anche una modalità di superamento!
Ciao Titti, bentornata - e buon inizio anno!