lunedì 27 luglio 2009

Latvia: orizzonti e cieli del nord

.







Latvia (Lettonia)
regione Kurzeme:


1) campagna sulla strada per Kuldiga;



2) Costa baltica, nei pressi di Liepaja.















Ho ritrovato ancora i vividi colori degli amatissimi cieli del nord:
le nuvole che corrono mutevoli e rapide, eleganti e sinuose,
le luci luminescenti delle interminabili sere, ove la notte si fa breve
ed il giorno d'estate vince la sua perenne battaglia con la notte.

Il gioco ampio delle maree sulla costa ed il mutare rapido del tempo,
i prati sconfinati ed il loro verde brillante rinfrescato dalle piogge,
il mare grosso che s’infrange sulle sabbie bianche e sulle rocce,
lo spazio ampio delle campagne, gli ombrosi e vasti boschi
terra di gnomi e di leggende, ricchi di felci, muschio, lamponi
e costellati ovunque da dolcissimi milioni di mirtilli.

Amo la vastità dei paesaggi, gli orizzonti liberi e lontani
tratteggiati da mille ignoti sentieri che s'inoltrano nel nulla
seguendo l’ondulare variato del terreno che m'appare e sembra
sconfinato...così fiabesco, affascinante e suggestivo...

E’ la selvaggia malìa del nord
che sempre e profondamente, mi conquista.



© Luciana - (Latvia, luglio 2009)
.

6 commenti:

DR ha detto...

Bello... Un reportage di viaggio in versi.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Un tassello in più che si aggiunge al personalissimo puzzle del "mio" nord: piccolissime ma amatissime esperienze di viaggio in Irlanda, Scozia, Inghilterra, Danimarca, Olanda, Isola di Sylt, Normandia, Galizia, Polonia...
Per restare in Europa mi mancano ancora Svezia, Norvegia, Finlandia, Russia ed altre méte nordiche che m'ncuriosiscono e m'attraggono...In particolare, vorrei tanto poter visitare un giorno le Isole Shetland e la Groenlandia...ma per ora, le vacanze purtroppo sono terminate!

Asia ha detto...

Amo anch'io quei Cieli. Grazie di questo viaggio e delle emozioni che ci hai donato. Auguri di Buon Feragosto. asia

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Augurio ricambiatissimo, grazie... e speriamo che le nuvole si mettano a correre un po' anche qui da noi, oggi: ci vorrebbe proprio, per eliminare almeno un po' della pesante cappa di afa che accompagna questi ultimi giorni!

Jaio Furlanâr ha detto...

Guarda che hai dimenticato il pays plat di Jacques Brel che é anche quello dove sto io:-)

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Ciao Jaio... uuuhhh,certochemipiacerebbe!

E poi, Bruxelles è anche la sede del Museo René Magritte -
che ho saldamente annodato al fazzoletto: come potrei non averlo in lista, fra i "papabilidiviaggio"!!!